Ops! Mio marito è gay?

"Non dimenticherò mai un cliente che mi ha chiamato durante il suo esaurimento nervoso e ha detto che voleva curare sua moglie. Il problema era che sua moglie ha ammesso che dopo tutti questi anni di matrimonio e 3 ragazzi lei era effettivamente interessata agli uomini!"

Essere sposato con un uomo gay!

Questa signora non ha voluto dare il suo nome, ha mantenuto il suo numero di telefono e voleva scoprire come trattare suo marito in mezzo a singhiozzi troppo intensi per dirlo.

Il problema era che sua moglie, dopo tutti questi anni di matrimonio e tre ragazzi, aveva ammesso di essere interessata agli uomini. Certo, è stato un trauma molto intenso e una seria paura per il futuro che questa signora ha attraversato. Il fatto che veda questa situazione come una malattia curabile è solo a causa dell'impotenza che ha vissuto in quel momento.

Alcuni pensano che essere omosessuali o bisessuali sia una malattia congenita, altri sono una malattia che si sviluppa in seguito. In effetti, molte persone pensano che sia una scelta o una deviazione dall'insoddisfazione. Una cosa è certa, l'omosessualità non è un evento raro nella nostra società ...

Di recente, ho molti clienti che vengono per questo motivo. Naturalmente, questo aumento non è dovuto al fatto che più persone scelgono più l'omosessualità, ma perché possono condividere più comodamente.

Purtroppo ci sono molti uomini che scelgono di sposarsi anche se non vogliono nascondere la loro omosessualità, o si rendono conto che un giorno si innamorano di un uomo e, da un lato, sono presi tra i propri desideri e dall'altro dall'altra la moglie e i figli. Per quanto doloroso e ingiusto sia per una donna affrontare questa situazione, è altrettanto doloroso e difficile per l'uomo che la vive.

Storia di molestie e stupri del passato

Immagino sia impossibile non essere d'accordo con un commento detto da uno dei miei clienti che ha scoperto di essere omosessuale in tenera età e che ha sempre vissuto con i suoi simili: "L'omosessualità è sempre definita una 'scelta'. Chi sceglie una vita che porterà tali difficoltà nella sua vita, sarà spesso escluso dalla società e perderà anche i suoi cari.? "

In effetti, considerare l'omosessualità come una "scelta" o una "scelta" è un punto di vista molto superficiale e persino crudele. Non è un approccio realistico pensare che una vita che deve essere continuata mentendo, nascondendosi e persino recitando sia "preferibile".

Il motivo per cui molte persone chiamano l'omosessualità una malattia innata, o deragliamento, soprattutto a causa della fama, della fama e di un sacco di soldi, è in realtà perché la vedono come una situazione che non dovranno mai affrontare, completamente al di fuori delle loro vite e intorno a loro. Tuttavia, l'omosessualità non è una situazione in cui le persone che cercano un cambiamento nella loro vita vogliono cambiare le loro auto o iniziare ad interessarsi alla filosofia dell'Estremo Oriente.

Prima di tutto, molti di loro hanno una storia di abusi o stupri avvenuti in un'età che potrebbero non ricordare nemmeno. È anche il lato doloroso del lavoro che le molestie provengono solitamente dai parenti di primo grado, le famiglie sono generalmente inconsapevoli delle molestie dei loro figli o sono in un modo di copertura anche se sono a conoscenza dell'incidente, e sfortunatamente, questi molestatori continuano la loro vita stringendosi la mano rimanendo confidenziali per tutta la vita. Inoltre, valutare la relazione tra due uomini solo come sessualità sarebbe l'interpretazione più superficiale che si possa fare. Pensi che tutta questa vita verrebbe capovolta se l'emozione non fosse vissuta così intensamente?

Come reagisce la donna quando scopre che suo marito è omosessuale?

Essere sposato con un uomo che ha scoperto la sua omosessualità e ha cambiato la sua vita è ovviamente molto difficile e imprevedibile. Tuttavia, ci sono molte reazioni diverse che vedo nei miei clienti; C'è chi preferisce ignorare questa situazione e agire come se non avesse mai imparato, e chi divorziano immediatamente e impediscono ai figli di incontrarsi con il padre. Quelli che vedono questa situazione come normale e mantengono in equilibrio le loro relazioni post-rottura sono pochissimi.

L'unica reazione comune è che la donna mette in discussione il suo passato, si incolpa di non aver compreso i sintomi in tempo, e accetta l'intero passato del matrimonio come una bugia e cerca una colpa in se stessa. In effetti, so che una donna che ha chiesto il divorzio il giorno in cui ha saputo dell'omosessualità di suo marito e ha iniziato a indossare l'hijab lo stesso giorno, ha preso i suoi figli e si è trasferita in un'altra città e non ha mai più contattato il suo ex marito.

Tuttavia, questa situazione non è causata dall'errore di nessuno o dal fatto che una donna che deve attraversare questa svolta nella sua vita non se ne accorga in tempo. Inoltre, non è facile per una persona guardare il proprio coniuge con sospetto, notarlo e prendere precauzioni. Non stiamo parlando di una malattia che trarrà beneficio dalla diagnosi precoce.

Non aver paura di chiedere aiuto!

Questa situazione è un dato di fatto che sentiamo più spesso, leggiamo e guardiamo di più, anche se non viviamo nel nostro ambiente. Essere prevenuti non aiuta nessuno. Il fatto che molte donne che devono affrontare questa situazione si interroghino e si puniscano non fanno altro che rendere loro la situazione attuale ancora più difficile.

Sentire questa situazione come fonte di imbarazzo, paura del giudizio, pressione sociale e ragioni simili, sfortunatamente, cercare di superare questo trauma dentro di sé fa sì che si logorino di più. Per favore, non aver paura di ricevere aiuto. La vita progredisce non con i rimpianti portati dal destino, ma con le lezioni che possiamo imparare dai trucchi del destino.

Non lasciarti amareggiare da una situazione in cui sei colto impreparato, magari anche per l'ingiustizia del destino. Perché non sei il colpevole di quello che ti è successo, e tormentarti sarà una seconda ingiustizia, questa volta di cui sarai la causa.

Sappi che non sei l'unico ad affrontare questi inganni del destino, non sei solo. Non aver paura di aprire il tuo cuore.

Life Coach e terapista relazionale Yeşim Varol Şen

Pubblicazione: Burcunur YILMAZ