Intervista speciale sulla bomba da Mustafa İpekçioğlu a Mahmure!

"Mustafa İpekçioğlu, che si è fatto la cravatta, che ha fatto piangendo come artista TRT saz, ha parlato oggi alla O Ses Turkiye Tarık Sezer Orchestra, ha parlato delle curiosità sulle donne Mahmure ..."

Prima di tutto, potresti parlarci un po 'di te? In che tipo di storia ti trovi?

Sono nato a Istanbul. Ho vissuto in questa città della mia infanzia, i miei ricordi, tutto ciò che riguarda la musica. Sono nato a Istanbul, ma posso dire di essere nato per la musica. Perché come membro di una famiglia dedita alla musica, ho aperto gli occhi al mondo. Prima di tutto, mio ​​nonno Mustafa İpekçioğlu e poi mio padre Mehmet İpekçioğlu sono la mia più grande opportunità. In realtà, posso dire l'inizio della mia storia, le guide. Credo che le persone abbiano una storia di venire sulla Terra, ognuno abbia una missione e uno scopo di vita radicato nella propria anima. Questo ha preso vita in me come musica. Ecco perché essere un membro di una famiglia di musicisti è stato l'inizio più significativo della mia storia.Quanti anni avevi quando hai iniziato a fare musica?

In realtà, posso dire che è il momento in cui apro gli occhi sulla vita. Sono stato nella musica dal momento in cui sono nato. Mio nonno era il defunto musicista di Mustafa İpekçioğlu; Suonava il tamburo, suonava il baglama, cantava una canzone. Mio padre, Mehmet İpekçioğlu, era un artista di baglama. Mi racconta che quando aveva 3 anni camminavo sul bagaglio di mio padre e battevo il ritmo sulla cravatta. Successivamente, si prende una piccola cura all'età di 4-5 anni e mi dice che il mio processo di associazione è iniziato in quel modo. Ho ricevuto la mia istruzione primaria da mio padre, Mehmet İpekçioğlu. Successivamente, ho vinto il Conservatorio statale di musica turca dell'Università tecnica di Istanbul nel 1999 e ho iniziato nel dipartimento di strumenti. Ho anche studiato al Conservatorio statale di musica turca dell'Università tecnica di Istanbul.

Qual è stata la svolta nella tua vita?

Penso che il punto di svolta della mia vita sia stato entrare in Conservatorio. Ho stretto grandi amicizie e ho ricevuto una buona educazione musicale. Ho fatto musica tutto il tempo, bevevo musica costantemente. Un altro punto di rottura della mia vita è O Ses Turkey. Lavorare con la Tarık Sezer Orchestra e avere la possibilità di raggiungere un vasto pubblico mi ha incoraggiato maggiormente a fare musica.

Hai lavorato con importanti artisti del nostro paese fino ad oggi e fai parte della Tarık Sezer Orchestra. Pensi che questi siano un vantaggio per te?

Come ho detto, Tarık Sezer è uno dei punti di svolta della mia vita. L'ho amato incredibilmente, abbiamo ascoltato le leggende di Tarık sin dalla nostra infanzia. È un musicista di qualità. Anni dopo, ho avuto l'opportunità di lavorare con lui per la prima volta al Golden Pigeon Festival di Kuşadası. Successivamente, ho lavorato in diversi progetti in cui Tarık Sezer era il direttore. Successivamente, abbiamo iniziato a lavorare insieme a O Ses Turchia. Ha avuto vantaggi incredibili. Tariq Abi è una leggenda vivente; Maestro che ha una conoscenza musicale molto cumulativa e profonda e molte altre virtù. Ho imparato molto da lui e continuo a imparare ancora. Finora; Ho lavorato con Sibel Can, Ajda Pekkan, İbrahim Tatlıses e molti altri nomi di spicco della Turchia. Posso dire che non sono rimasti artisti con cui non ho lavorato, li ho accompagnati in ogni fase sia in orchestra che nei loro album. Ho imparato molto da ognuno di loro. Mentre accompagnavo la loro musica, volevo beneficiare delle loro esperienze. In realtà, posso dire che è stato sia un lavoro che un'istruzione per me. A proposito, devo aggiungere, ovviamente, che io sono un artista TRT è un altro punto di rottura della mia vita. Anche questo è stato un sogno importante per me. TRT non tiene un simile esame da 22 anni. Sono molto felice di essere seduto sulla sedia dove i miei maestri, da cui ho imparato questo lavoro, vivere la cultura della musica popolare e far parte di questa eredità. È il mio orgoglio essere un TRT Saz Artist. Sto cercando di portare questa bandiera con la sua destra.Ci sono musicisti da cui sei influenzato o che prendi come esempio?

Trascorro la maggior parte del mio tempo ascoltando musica, ascolto molta musica diversa, sono nutrito da molti stili musicali diversi. Seguo da vicino la musica in corso nel mondo. Ci sono molti musicisti di cui sono impressionato. Aşık Veysel, Neşet Ertaş, Çekiç Ali, Muharrem Ertaş, Müslüm Gürses, Orhan Gencebay. Sono cresciuto con la musica di questi grandi maestri. Inoltre, Paco da Lucia è un chitarrista incredibile di cui chiamo il nome sin dalla mia infanzia. Sono un suo grande fan. Sono influenzato da Paco da Lucia nello stesso modo in cui sono influenzato da Neşat Ertaş.Come hai deciso di avere un singolo?

Hakan Yelbiz è il fattore più importante nel rilascio del singolo. Hakan Yelbiz è un amico con cui amo condividere la sua vita e la sua musica. In realtà, la nostra storia non è iniziata con l'idea di pubblicare un singolo, rimaniamo con noi sul mercato. Possiamo dire che è una bella coincidenza e il ritorno di anni di accumulazione per noi. Di solito cerco di supportare i progetti di Hakan Abi con tutti i miei strumenti. Hakan Abi ha deciso di fare di nuovo un progetto acustico; C'erano canzoni come Serdar Ortaç, Kenan Doğulu, ecc., Avevo finito l'arrangiamento di 2-3 canzoni e le stavo accompagnando. Dopo aver giocato il mio cuore, Hakan Abi; "Se chiedessi a mio fratello, potresti dirlo a un pilota? Ascoltiamo fratello Serdar in quel modo. "Credimi, la storia è iniziata così; Quando abbiamo ascoltato Serdar Ortaç la canzone, "Amici, questo progetto è stato fantastico in questo modo, salute per le tue mani e il tuo cuore. Vi presento questa canzone. Fai come vuoi, ti sostengo fino alla fine. '' disse. Ci ha sostenuto e incoraggiato. Ancora una volta, vorremmo ringraziare Serdar Ortaç tramite te. Vorrei ringraziare tutti coloro che ci hanno sostenuto e incoraggiato nel nostro unico lavoro. Ma ad Hakan (Yelbiz) Abi per tutto; La nostra musica, oltre che un amico, una guida, è una delle persone che più contribuiscono e sostengono la mia vita. Sono incredibilmente felice di conoscerlo, lo vedo come la mia occasione. Ringrazio quella bella persona mille volte.

Come rifletti i tuoi stati d'animo nella tua musica?

Se presti attenzione a O Voice Turkey, suoniamo molte canzoni una dopo l'altra e mascheriamo la canzone che suoniamo. Assumere l'identità della canzone ci fa sentire quella canzone. In questo modo, mi ritrovo nella storia della canzone, mi vedo come parte di quelle canzoni. Presento questa sensazione al cuore del mio pubblico con il mio baglama. In effetti, tocchiamo migliaia di cuori da un cuore. Questa è una bella interazione. Il pubblico ti riflette emozioni così positive che siamo felici di svolgere correttamente il nostro lavoro. A volte siamo così presi da questa eccitazione che provo un'alta adrenalina, ci perdiamo con la musica, sento che il mio cuore sta per essere spostato.

Che tipo di feedback hai ricevuto per il singolo "Don't be afraid Kalbim"? Sei soddisfatto delle reazioni che ricevi?

Abbiamo incontrato per la prima volta Caro Bengü, non aver paura Kalbim. Con la sua interpretazione unica, affetto e saluti a lui da qui. Abbiamo ricevuto commenti incredibili sulla canzone; salute nel tuo cuore, dove l'hai pensato, l'hai letto con il cuore, la tua firma nel baglama, era anche nella tua voce e così via. come. Amici, è successo davvero tutto in una volta. Non avevamo programmato la sua interpretazione, il suo processo. Hai appena chiesto, abbiamo semplicemente riflesso i nostri sentimenti ed emozioni. Nel momento in cui iniziamo la musica, sperimentiamo solo la canzone e la sua storia. La registrazione è avvenuta, la canzone è entrata in noi e abbiamo pensato che sarebbe penetrata nella nostra gente. Volevamo toccare i cuori e le persone ci hanno sostenuto e incoraggiato di più con bellissimi commenti mentre passavano attraverso i loro cuori. Grazie, faremo più musica per te.

Dai letteralmente vita al baglama ed è molto apprezzato da tutti. Allora cosa provi giocando a baglama? Cosa significa per te il contesto?

Può sembrare classico per te, ma l'allacciatura è il mio tutto. La mia vita, la mia vita, il mio scopo di vivere. Baglama è la mia vita dal giorno in cui so che il mio nome è Mustafa; la mia mano, il mio braccio, il mio corpo è il mio tutto. Come una parte del mio corpo. L'occhio e l'orecchio esprimono ciò che per me significa legare a una persona. Mio padre, Mehmet İpekçioğlu, ha un detto, non lo dimenticherò mai; "La musica richiede la propria vita." Lo è davvero, questa è una lunga strada, una lotta che richiede molto e molto impegno. Questo è il mio più grande compagno su questa strada. Condivido la mia vita con lui; A volte combatto, a volte vivo innamorato, a volte arriva, mi dicono, arriva a me. So che è il mio amore, entrambi ci amiamo moltissimo. Ho solo un obiettivo per il resto della mia vita; Lo porterò il più lontano possibile e lascerò una bellissima eredità alle generazioni future e alle persone che saranno disposte a collegarlo.

Hai cantato molte canzoni fino ad oggi, hai fatto i tuoi commenti. Quali sono più speciali per te?

Come ho affermato nell'altra tua domanda; Ascolto molti tipi diversi di musica, ascolto molta musica in ogni momento della giornata. Ogni nota che tocchiamo, ogni suono che tocchiamo, ogni canzone che cantiamo; accadendo con grande amore ed emozione. Quindi non posso fissarlo e dire questa canzone o questa canzone. Stiamo solo cercando di tradurre le emozioni che provengono dai nostri cuori, con la nostra connessione, con le nostre voci. Invito te e tutta la Turchia da qui a Istanbul Jolly Joker giovedì 27 aprile 2017. Terremo il nostro primo concerto. Cantiamo insieme le canzoni, accompagniamo con le nostre canzoni le emozioni più belle. Un saluto a tutti coloro che vivono e mantengono viva la musica.

Intervista: Elif Özdemir