3 dicembre Giornata internazionale delle persone con disabilità

Il comunicato stampa dell'Associazione Psichiatrica della Turchia è stato accettato come "Giornata internazionale delle persone con disabilità" il 3 dicembre dalla decisione delle Nazioni Unite nel 1992; questa decisione è stata presa nel marzo 1993 con la dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti umani Commissione No. è stata annunciata al mondo come una giornata per lavorare allo scopo di garantire i loro diritti "pienamente ed equamente". Da allora, il 3 dicembre è stata riconosciuta come la Giornata internazionale delle persone con disabilità ".

La disabilità è definita come la perdita di poteri fisici, mentali, spirituali, emotivi e sociali a vari livelli a seguito di qualsiasi malattia o incidente, congenito o successivo, e l'incapacità di soddisfare i requisiti della vita normale. L'Organizzazione Mondiale della Sanità accetta che le persone disabili costituiscano il 10% della popolazione nei paesi sviluppati e il 12% nei paesi in via di sviluppo. Di conseguenza, ci sono circa 500 milioni di persone disabili nel mondo. Il numero di persone con disabilità fisica e mentale in Europa è di 46 milioni. Quando a questa cifra si aggiungono le limitazioni fisiche dovute alla gravidanza e alla vecchiaia, la cifra raggiunge i 130 milioni.

Secondo i dati del Turkey Disability Survey condotto dall'Istituto statale di statistica nel 2002, il rapporto tra la popolazione disabile nel nostro paese e la popolazione totale era del 12,29% (11,10% per gli uomini e 13,45% per le donne). L'1,25% della popolazione disabile è ortopedica, lo 0,38% della lingua e della parola, lo 0,60% non vedente, lo 0,37% ipoudente, 0%. 48 di loro sono mentalmente disabili. Il tasso di invalidità dovuto a malattie croniche che ostacolano la capacità lavorativa e le funzioni della persona e richiedono cure e cure continue costituisce il 9,7 per cento della popolazione totale. Le malattie mentali sono una delle principali malattie che causano disabilità tra le malattie croniche. I dati numerici sui disabili sono insufficienti nel nostro Paese.

Per questo motivo, si ammette che ci siano circa 8,5 milioni di disabili secondo il tasso del 10% determinato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Se ipotizziamo che una famiglia sia composta in media da quattro persone, possiamo dire che la disabilità colpisce circa 30 milioni di persone nel nostro Paese, che corrisponde al 40% della popolazione del Paese. Non ci sono dati che dimostrino la prevalenza della disabilità mentale nel nostro Paese. L'Organizzazione Mondiale della Sanità prevede che circa 1,5 milioni di persone hanno disabilità mentali a diversi livelli. La disabilità è un problema importante che colpisce non solo la persona che ha questo problema, ma anche la sua famiglia e l'ambiente circostante dal punto di vista economico, sociale e psicologico.

La malattia cronica, la disabilità mentale o fisica nei bambini è una situazione molto traumatica e stressante per le famiglie. Gli studi hanno dimostrato che i genitori (soprattutto le madri) con bambini mentalmente o fisicamente disabili sono più stressati e hanno livelli di ansia più elevati rispetto ai genitori che non hanno un figlio disabile. Disturbi mentali come disturbi fisici, depressione e disturbo d'ansia e dipendenza da alcol sono più comuni nelle madri che hanno un figlio mentalmente o fisicamente disabile. Quando si indagano le cause della disabilità, si vede che la maggior parte di esse sono cause evitabili e prevenibili. Problemi come fattori genetici, matrimonio consanguineo, problemi vissuti durante la gravidanza (malattie, uso di droghe, esposizione a radiazioni, alcol e uso di sostanze e sostanze, disturbi nutrizionali) sono tutti processi prevenibili.

Gli incidenti postpartum, i traumi psicosociali intenzionali o accidentali, i disastri naturali causano disabilità. È chiaro che la disabilità non è un destino e sarà impedita da politiche sociali da sviluppare e regolamenti che includano pratiche di tutela e prevenzione in ogni campo. Nel nostro Paese, negli ultimi anni, sono stati compiuti notevoli progressi nella riduzione della popolazione analfabeta e nell'aumento del livello di istruzione. Tuttavia, esistono enormi divari tra gli indicatori della popolazione generale e quelli della popolazione disabile. Il tasso di analfabetismo nella popolazione generale è di circa il 12,9%. Questo tasso è di circa il 36% per i disabili e il 25% per quelli con malattie croniche. Studi recenti hanno dimostrato che la povertà ha un effetto diretto sulla prevalenza della disabilità. La povertà è sia una causa che una conseguenza della disabilità. La ricerca mostra che la stragrande maggioranza dei disabili proviene dalle fasce povere della società in tutto il mondo. Inoltre, la disabilità causa anche disoccupazione, impedendo a questi individui di integrarsi con la vita sociale e garantire la loro autosufficienza, per poi continuare la loro vita come individuo produttivo.

Il fatto che il sistema educativo includa un'intesa che esclude i disabili e che i bisogni di riabilitazione dei disabili non siano sufficientemente soddisfatti è anche uno dei maggiori ostacoli all'integrazione dei disabili nella società. Le persone disabili sono discriminate soprattutto nella vita lavorativa. Considerando i dati sulla partecipazione dei disabili alla forza lavoro, si è visto che circa l'80% di loro non è incluso nella forza lavoro, ha bisogno del sostegno di altri per sopravvivere, ma il 19% è in grado di guadagnarsi da vivere da Lavorando. Circa il 52% delle persone con disabilità ortopediche, visive, uditive, linguistiche e della parola e mentali e il 36% delle possibilità di malattie croniche non hanno la sicurezza sociale e questa situazione impedisce alle persone disabili di ricevere cure adeguate e riabilitazione. Le persone disabili possono provare sentimenti di auto-introversione, mancanza di aiuto, inadeguatezza, insicurezza, ansia, paura e disperazione, soprattutto a causa di atteggiamenti negativi nei confronti della società stessa.

Di conseguenza, possono non partecipare alle attività, possono mostrare timidezza, tendenza a essere soli, tendere ad attività più individuali e sperimentare problemi di adattamento. Inoltre, la sensazione di perdita, rabbia e disperazione che provano ha il potere di facilitare e rafforzare ulteriormente l'emergere di problemi mentali. Tutti questi problemi sono questioni da considerare nelle politiche sanitarie e sociali sviluppate per i disabili. Quando vengono esaminate le norme legali previste per i disabili nel nostro paese; Si osserva che sono state prese misure per prevenire la disabilità, per risolvere i problemi legati alla salute, istruzione, riabilitazione, occupazione, assistenza e sicurezza sociale dei disabili e per garantire lo sviluppo del disabile a tutti gli effetti e per rimuovere gli ostacoli di fronte a loro. Tuttavia, questi sono insufficienti.

Inoltre, vi sono importanti problemi riguardanti le risorse finanziarie necessarie per l'emanazione di queste norme di legge, la distribuzione delle risorse finanziarie, l'accesso ai diritti previsti dalle norme di legge, e l'adeguatezza del numero e della qualità di coloro che forniscono servizi in questo campo. •? Sia negli edifici pubblici che in quelli privati, gli ingressi, le scale e gli ascensori, i veicoli di trasporto pubblico, le strade, i cavalcavia e i marciapiedi non sono predisposti per facilitare la vita delle persone fisicamente disabili. • Le condizioni di istruzione per le persone con disabilità mentale sono lontane dal soddisfare i bisogni e la qualità di scuole, aule, insegnanti, Chiediamo che siano stabilite quanto prima normative legali e strutture istituzionali conformi alle normative legali per consentire loro di raggiungere una vita non sono esposte, le politiche sociali legate a questa esigenza devono essere sviluppate, attuate come un servizio pubblico e il budget assegnato a questo campo dovrebbe essere portato a un livello sufficiente.