Psoriasi in 12 fasi

"Il Prof. Dr. Sibel Alper dell'Ospedale di Istanbul Florence Nightingale, Dipartimento di Dermatologia attira l'attenzione sulla psoriasi in 12 passaggi ..."

La psoriasi è una malattia non contagiosa che si manifesta come una malattia cronica della pelle. Questa malattia è più comunemente caratterizzata da lesioni cutanee nettamente circoscritte, squamose, rosse, delle dimensioni di una moneta su gomiti, ginocchia, cuoio capelluto, mani e piedi. I sintomi includono prurito, irritazione, bruciore e dolore.

1- La forma comune di psoriasi può essere fatale: Raramente, l'intera superficie cutanea del corpo può essere interessata; Questa forma comune di psoriasi può essere fatale perché, nella forma comune di psoriasi, un'eccessiva infiammazione e desquamazione possono compromettere le proprietà di regolazione della temperatura della pelle e compromettere le funzioni di barriera della pelle.

2-Peeling e formazione di croste possono essere visti nel coinvolgimento delle mani e delle unghie dei piedi:Circa il 10% delle persone con psoriasi sviluppa artrite, che può colpire mani, piedi, polsi e caviglie, collo e colonna vertebrale. In alcuni casi, le articolazioni si deformano, portando a una disabilità significativa. Si possono osservare desquamazione e formazione di croste nel coinvolgimento delle unghie delle mani e dei piedi e la perdita delle unghie può causare deformità.

3-Presta attenzione all'ipertensione!La psoriasi è un fattore di rischio indipendente per l'ipertensione. In uno studio, la frequenza dell'ipertensione nei pazienti con psoriasi è stata del 38,8% e le persone con psoriasi grave hanno un rischio più elevato di infarto, ictus e mortalità cardiovascolare.

4-L'aspettativa di vita nei pazienti con psoriasi grave è di circa 5 anni più breve: La psoriasi è un fattore di rischio indipendente per il diabete di tipo II. Mentre l'incidenza del diabete di tipo II è del 37,4% nei pazienti con psoriasi lieve, questo tasso è del 41% nei pazienti con psoriasi grave.

La frequenza della sindrome metabolica è maggiore nei pazienti affetti da psoriasi rispetto alla popolazione generale. In uno studio condotto in Turchia, è stato dimostrato che il tasso di sindrome metabolica nei pazienti con psoriasi è del 62%. L'espressione della sindrome metabolica nel fegato è la "malattia del fegato grasso". Il tasso di "malattia del fegato grasso" nella psoriasi è del 59%.

5-Psoriasi e relazione cancro: È stato segnalato che esiste un'associazione tra la durata e la gravità della malattia e alcuni tipi di cancro. È stato segnalato che i tumori linfoematopoietici, il cancro della vescica-rene e il cancro del colon-retto sono comuni nei pazienti con psoriasi che ricevono un trattamento a lungo termine e un trattamento sistemico. La psoriasi è un fattore di rischio indipendente per i tumori della pelle non melanoma e il linfoma.

6-Psoriasi e colite: Il rischio relativo di malattia infiammatoria intestinale aumenta nella psoriasi. È stato dimostrato che la frequenza della colite cronica e ulcerosa aumenta nella psoriasi. Con l'effetto della psoriasi, possono verificarsi cambiamenti comportamentali negli individui affetti con conseguente obesità, aumento del consumo di alcol e aumento dell'incidenza del fumo.

7-Psoriasi e obesità: È stato suggerito che l'obesità si verifica a causa del cambiamento di comportamento che si verifica in risposta alla situazione, mentre il fumo provoca la psoriasi. In una meta-analisi, è stato riportato che l'obesità aumenta la psoriasi e la psoriasi aumenta la frequenza dello sviluppo dell'obesità.

8-Alcol e psoriasi: La relazione riportata tra alcolismo e psoriasi è probabilmente dovuta all'impatto psicologico della psoriasi sugli individui affetti.

9-La prevalenza della psoriasi nel mondo è di circa il 2%: Circa due terzi delle persone con psoriasi hanno una forma lieve della malattia e l'area del corpo interessata è inferiore al 3%.

In circa tre quarti dei pazienti, l'insorgenza della psoriasi è prima dei 40 anni e in circa un terzo la malattia si manifesta prima dei 20 anni.

10-La psoriasi è rara nei bambini: La malattia mostra naturalmente un decorso cronico con periodi di recupero e di esacerbazione intermittenti. Tuttavia, ci sono periodi di remissione completa (recupero) e ci sono remissioni che durano cinque anni o più.

La causa della psoriasi non è completamente compresa. La formazione anormale di cheratina, la proliferazione nelle cellule della pelle, l'attivazione del sistema immunitario e fattori ereditari giocano un ruolo nello sviluppo della malattia. La psoriasi è più comune in alcune famiglie. Il rischio di sviluppare la psoriasi nel bambino è del 41% se sia la madre che il padre hanno la psoriasi, il 14% se un genitore ha la malattia e il 6% se un fratello ce l'ha.

11-Psoriasi e genetica: Sia i fattori esterni che quelli sistemici possono scatenare la psoriasi in individui geneticamente suscettibili. Le lesioni sono innescate da lesioni cutanee in circa un quarto delle persone con psoriasi. Le lesioni della psoriasi possono essere innescate da scottature solari e malattie della pelle. Lo stress psicologico può innescare la prima comparsa di psoriasi, così come le esacerbazioni che possono verificarsi per diverse settimane o mesi da un evento stressante.

Le infezioni batteriche possono scatenare o esacerbare la psoriasi in circa il 45% dei casi. La faringite è il fattore scatenante più comune, ma anche ascessi dentali e infezioni della pelle possono essere fattori scatenanti. L'infezione da HIV può aggravare la psoriasi; La psoriasi nei pazienti HIV positivi è abbastanza spesso resistente al trattamento e spesso associata all'artrite.

Imparare a convivere con la psoriasi?

La psoriasi influisce sulla qualità della vita correlata alla salute in misura simile ad altre malattie non trasmissibili. Le lesioni cutanee sulle mani possono impedire alle persone di svolgere alcune professioni, fare sport e prendersi cura dei familiari a casa.

Gli individui affetti possono sentirsi introversi riguardo al loro aspetto e questi individui possono avere timidezza e scarsa autostima a causa della paura del rifiuto pubblico e delle ansie psicosessuali. Le persone colpite possono provare imbarazzo, senso di colpa, rabbia e paura che gli altri pensino di essere sporchi e infetti. È noto che questi individui sperimentano disagio psicologico a causa dello "stigma" che può portare a discriminazione e isolamento sociale, soprattutto nella vita lavorativa. I malati di psoriasi hanno problemi a partecipare pienamente ed efficacemente alla società, proprio come gli individui sani, a causa di barriere sociali come "stigma", "discriminazione" e "esposizione ad atteggiamenti negativi tra il pubblico". È stato documentato in molti studi che i tassi di depressione e ansia nelle persone con psoriasi sono più alti rispetto alla popolazione generale.

Le persone affette da psoriasi sono escluse per non essere accettate a scuola o nella comunità, per paura del frequente assenteismo dei datori di lavoro a causa di malattia o paura di maggiori costi sociali, o per impedire loro di lavorare in posizioni lavorative dove le persone li vedranno.

La diagnosi di psoriasi si basa solitamente sulla presenza di lesioni cutanee tipiche. Non esistono esami del sangue o metodi diagnostici speciali. Raramente, può essere necessaria una biopsia cutanea o un raschiamento per escludere altre malattie e confermare la diagnosi.

Come dovremmo trattarlo?

Il suo trattamento viene scelto in base all'entità della malattia e alle regioni in cui si trova. Se copre meno del 5% del corpo, è possibile trattarlo con farmaci applicati esternamente, cioè creme. Tuttavia, se è comune o non comune, se si trova nelle mani o nell'area genitale, è considerato grave e vengono valutate diverse opzioni.

Obbiettivo;

Serve per prevenire la rapida proliferazione delle cellule della pelle, per ridurre l'infiammazione, cioè l'arrossamento, ed eliminare le eruzioni cutanee.

Con il trattamento delle croste sulla pelle, le eruzioni cutanee guariscono senza lasciare cicatrici, la pelle diventa morbida e normale.

Dopo che le eruzioni cutanee sono scomparse completamente o sono diminuite in larga misura, la possibilità di recidiva dovrebbe essere controllata facendo attenzione ai fattori che scatenano la malattia.

La psoriasi è una malattia controllata!

*Esiste un metodo di trattamento adatto per ogni paziente e la vita può essere sostenuta senza sintomi cutanei o eruzioni cutanee molto piccole.

*La malattia non sei tu, controlla la malattia con il tuo medico.

*La gestione della psoriasi non si limita solo al trattamento delle lesioni cutanee, ma mira anche a far fronte alle diverse malattie che accompagnano la psoriasi. I medici devono essere consapevoli che potrebbero esserci alcune malattie che accompagnano la psoriasi al fine di fornire una diagnosi precoce. Inoltre, la gestione della psoriasi dovrebbe essere effettuata considerando i possibili effetti delle malattie concomitanti sui pazienti. I pazienti con psoriasi grave devono essere sottoposti a screening per i fattori di rischio cardiovascolare e devono ricevere consulenza e trattamento appropriati.

*Una dieta sana, una corretta attività fisica e la gestione di altri fattori di rischio, in particolare il peso elevato, sono gli elementi di cura più importanti.

*Nella gestione a lungo termine della psoriasi, è necessario un trattamento personalizzato per accogliere i potenziali effetti collaterali di trattamenti specifici, oltre a modificare la percezione del paziente dell'entità della malattia e della gravità della malattia. Alcune iniziative per la gestione della psoriasi dovrebbero far parte dei servizi sanitari esistenti dalle cure primarie.

*Questi servizi devono essere combinati, coprendo la migliore cura possibile del paziente, guidando l'educazione del paziente, la consulenza e la disponibilità di diverse opzioni di trattamento. Allo stesso tempo, questi servizi dovrebbero essere ampliati per includere dermatologi nell'assistenza secondaria e terziaria e servizi clinici di specialità legate alla psoriasi e alle malattie esistenti.

Specialista in Dermotologia Prof. Dott. Sibel Alper