Soggetti che causano il divorzio legale

"Secondo il codice civile numero 4721, il contenzioso caso di divorzio può essere visto in due modi come motivi speciali per il divorzio e ragioni generali per il divorzio".

Motivi speciali per il divorzio

I casi di divorzio basati su motivi speciali di divorzio, che sono limitati in numero dalla legge, sono i seguenti:

Adulterio (inganno)

Se uno dei coniugi commette adulterio, l'altro coniuge può chiedere il divorzio. Adulterio significa che uno dei coniugi agisce in contrasto con il dovere di lealtà, cioè stare con qualcuno che non sia il suo coniuge.

Il diritto alla causa si perde sei mesi dopo che il coniuge, avente diritto alla causa, ha scoperto il motivo del divorzio e, comunque, cinque anni dopo il fatto di adulterio. La parte che perdona non ha il diritto di citare in giudizio.

Casting alla vita, comportamento offensivo o degradante

Ciascuno dei coniugi può intentare una causa di divorzio perché significa la propria vita per l'altro, o perché è trattato male o si è comportato in modo gravemente degradante. Il tentato omicidio ne è un esempio e qualsiasi comportamento irrispettoso contro la dignità umana del coniuge significa comportamento degradante.

Il diritto alla causa decade quando il coniuge avente diritto alla causa viene a conoscenza del motivo del divorzio, e dopo sei mesi, e comunque cinque anni dalla nascita di tale causa. La parte che perdona non ha il diritto di citare in giudizio.

Crimine e dignità

Se uno dei coniugi commette un crimine umiliante o conduce una vita dignitosa e per questi motivi non ci si può aspettare che l'altro coniuge viva con lui, questo coniuge può sempre presentare una causa di divorzio. Tuttavia, non tutti i crimini sono inclusi in questo ambito. Il crimine commesso deve essere un crimine degradante come il furto o l'aggressione sessuale. Oltre a questo crimine umiliante, l'altro coniuge deve diventare incapace di continuare il matrimonio a causa di questo crimine.

Divorzio per abbandono

 - Se uno dei coniugi non adempie agli obblighi derivanti dall'unione matrimoniale e lascia l'altro coniuge o non torna in una residenza comune senza un giustificato motivo,

 - Di conseguenza, la separazione è durata almeno sei mesi e se questa situazione persiste

 - Se l'avvertimento fatto dal giudice o dal notaio su richiesta è inconcludente; il coniuge abbandonato può chiedere il divorzio. Si considera uscito anche il coniuge che costringe l'altro a lasciare la casa comune o gli impedisce di rientrare senza giustificato motivo nella casa comune.

Su richiesta del coniuge avente diritto alla causa, il giudice o il notaio avviserà il coniuge che si allontana senza esame di merito circa le conseguenze del rientro in una residenza comune entro due mesi e del mancato rientro. Questo avviso viene reso mediante annuncio quando necessario. Tuttavia, c'è un certo periodo di tempo per presentare una causa di divorzio, e nessun avviso può essere richiesto fino alla fine del quarto mese e una causa non può essere intenta fino a due mesi dopo l'avvertenza.

Malattia mentale

Se uno dei coniugi è malato di mente e quindi la vita comune diventa insopportabile per l'altro coniuge, questo coniuge può presentare istanza di divorzio, a condizione che sia stabilito dal rapporto della commissione medica ufficiale che non vi è alcuna cura per la sua malattia mentale.

Cause generali di divorzio

Se un evento che non può essere determinato in anticipo ha scosso le fondamenta di un'unione coniugale e quindi non ci si può più aspettare che i coniugi continuino la loro vita comune, viene menzionato il motivo generale del divorzio. TMK m. Questo problema è stato organizzato come segue nel 166.

Le basi dell'unione coniugale - conflitto grave

Articolo 166 - Se l'unione matrimoniale è stata scossa al punto che non ci si aspetta che continuino la loro vita comune, ciascuno dei coniugi può aprire una causa di divorzio.

Nei casi specificati nel paragrafo precedente, se la colpa dell'attore è più grave, il convenuto ha diritto di presentare ricorso. Tuttavia, se questa obiezione è un abuso del diritto e se non è rimasto alcun vantaggio per l'imputato e i bambini nel proseguimento dell'unione matrimoniale, il divorzio può essere deciso ".

In caso di conflitto grave, il rispetto e l'amore reciproco dei coniugi diminuisce e la vita comune che stabiliscono insieme diventa insopportabile. I conflitti che sorgono quando concetti come le prospettive sulla vita e le visioni del mondo differiscono in termini di coniugi influenzano l'unione coniugale e, se esiste, la vita familiare dei figli comuni. Le ragioni come il dibattito costante degli sposi, la diminuzione del rispetto, la diminuzione dell'unione sessuale all'interno dell'unione coniugale sono le ragioni della fondamentale scossa dell'unione coniugale. Se non ci sono miglioramenti nel matrimonio nonostante tutti gli sforzi, è inevitabile aprire una causa di divorzio in seguito.

Avvocato Elvan Kilic