I rapporti non protetti aumentano il rischio di AIDS

"La mancata protezione delle persone che hanno l'HIV e ricevono cure mentre hanno rapporti sessuali non impedisce la trasmissione del virus".

Il rischio può aumentare di 4 volte in 10 anni La ricerca di David Wilson e del suo team dell'Università del New South Wales in Australia ha rivelato che senza protezione il rischio potrebbe aumentare di 4 volte in 10 anni, contrariamente al rapporto della Commissione svizzera secondo cui coloro che ricevono cure non possono usare il preservativo.Non scompare completamenteSecondo la ricerca condotta da Wilson e dal suo team, anche se il trattamento viene preso, il rischio di trasmissione del virus non è nullo e il virus non scompare completamente.Tabella di marcia per una sessualità sana ...Le probabilità sono alteLa probabilità di trasmettere il virus agli uomini era dello 0,22%, gli uomini lo 0,43% e gli uomini il 4,3% dopo coppie sieropositive e HIV-negative dopo un rapporto eterosessuale non protetto. È stato determinato che il virus è stato trasmesso a 215 uomini e 425 donne, ea 3mila 524 uomini dopo un rapporto omosessuale, il che indica che il rischio di trasmissione del virus può aumentare di 4 volte in 10 anni.Tabella di marcia per una sessualità sana ...I preservativi sono un mustNello studio pubblicato sulla rivista britannica "The Lancet", è stato sottolineato che i pazienti dovrebbero anche usare il preservativo con i farmaci.Limite di 6 mesiNel rapporto della Commissione Svizzera si afferma che la coppia sieropositiva e sieropositiva potrebbe non essere protetta se il paziente sieropositivo che non ha avuto il virus dell'AIDS nel sangue da almeno 6 mesi e non ne ha un altro malattia sessualmente trasmissibile.Tabella di marcia per una sessualità sana ...I farmaci combinati prolungano la vita di 13 anniIn un altro studio pubblicato sulla stessa rivista, è stato affermato che l'aspettativa di vita di coloro che trasportano il virus dell'AIDS è aumentata di 13 anni e il tasso di mortalità è diminuito di circa il 40% da quando i farmaci antiretrovirali combinati sono stati utilizzati nei paesi sviluppati.Allunga la durata della vitaIl professor Robert Hogg e il suo team del centro di ricerca sull'AIDS di Vancouver in Canada hanno confrontato i tassi di mortalità tra il 1996-1999, quando è stato introdotto questo trattamento, con il periodo 2003-2005, visto che l'aspettativa di vita di coloro che ricevevano il trattamento è aumentata di 13 anni.Tabella di marcia per una sessualità sana ...La diagnosi precoce salva viteNello studio, dove è stato affermato che l'aspettativa di vita di coloro che hanno contratto il virus dell'AIDS durante l'uso di farmaci per via endovenosa era di 12 anni inferiore rispetto ad altri, è stato notato che coloro che hanno iniziato il trattamento in ritardo potrebbero sopravvivere 18 anni in meno rispetto a coloro che hanno iniziato il trattamento immediatamente dopo I ricercatori hanno anche sottolineato che le terapie combinate sono "meglio tollerate, più efficaci e la questione della regolazione della quantità di farmaco è più semplice".CNNTÜRK