Attenzione ai telefoni cellulari nel cancro al seno!

Affermando che il cancro al seno è il tipo più comune di cancro nelle donne e al secondo posto tra i decessi correlati al cancro nelle donne, il Prof. Dr. Mehmet Eser ha detto: "Oggi siamo esposti alle radiazioni molto spesso".

Il cancro al seno è un tipo di cancro che inizia dalle cellule nello strato interno dei dotti lattiferi del seno e si diffonde nel tessuto mammario man mano che progredisce, quindi ai tratti linfatici e ai linfonodi delle ascelle e infine ad altri organi del corpo . Questo tipo di cancro è il tipo più comune di cancro nelle donne e al secondo posto nelle morti correlate al cancro nelle donne.

Angelina Jolie aumenta la consapevolezza

Essere una donna è di per sé un fattore di rischio. Perché l'effetto degli ormoni femminili, estrogeni e progesterone, sulle cellule del seno è uno dei fattori che scatenano il cancro al seno. Nelle donne che hanno le prime mestruazioni in tenera età, che hanno una menopausa tardiva, non partoriscono e non allattano, le cellule del seno sono regolarmente e continuamente influenzate dagli ormoni ogni mese. Questa situazione può essere efficace nello sviluppo precoce del cancro al seno in una donna con una predisposizione al cancro al seno. Nel 75 per cento delle pazienti affette da cancro al seno, il cancro al seno non è stato rilevato in famiglia prima.

Il 10% del cancro al seno è genetico e il 15% è familiare. Nel cancro al seno genetico, ci sono disturbi genetici nella famiglia che causano il cancro al seno. I tassi di sviluppo del cancro al seno per tutta la vita sono molto alti nelle persone che portano questi geni. Pertanto, quando identifichiamo queste persone, eseguiamo un intervento di mastectomia sottocutanea profilattica, in cui evacuiamo il tessuto mammario proteggendo la pelle del seno prima che si sviluppi il cancro al seno e riduciamo il rischio di sviluppo del cancro con una probabilità di oltre il 90%. Come è noto, anche la famosa attrice Angelina Jolie ha subito questo intervento e ha avuto un effetto sull'incoraggiamento e la consapevolezza delle donne che avevano questo rischio in tutto il mondo.

Non utilizzare il roll-on ascellare per molto tempo

Ha parlato delle caratteristiche del cancro al seno che finora non abbiamo, che possiamo chiamare destino. Ci sono anche fattori che possono portare al cancro al seno che non sono il destino. Questi sono fattori legati alla nostra dieta e stile di vita. È noto che una dieta mediterranea con olio d'oliva, polpa e soprattutto prodotti a base di erbe ha effetti positivi in ​​termini di protezione dal cancro al seno, e una dieta occidentale ricca di carne e grassi ha effetti negativi. Il consumo quotidiano regolare di alcol, fumo e carne rossa sono tra i fattori che possono causare lo sviluppo del cancro al seno. Come in tutti i casi di cancro, è un dato di fatto che le radiazioni provocano lo sviluppo del cancro al seno.

Oggi siamo molto spesso esposti alle radiazioni. Col tempo, si capirà quanto negativamente i telefoni cellulari e altri prodotti ad alta tecnologia che utilizziamo influenzino le nostre vite. Perché l'effetto cancerogeno delle radiazioni si accumula nel corpo e può scatenare il cancro decenni dopo. Soprattutto dopo la menopausa, l'aumento di peso aumenta il rischio di cancro al seno. L'esercizio fisico regolare, ad esempio camminare mezz'ora ogni giorno, riduce il rischio di cancro al seno. È necessario evitare l'uso quotidiano di deodoranti, se possibile, il contatto con la nostra pelle, e soprattutto l'uso di roll-them applicati a lungo sulle ascelle.

Attenzione se c'è linfonodo palpabile

Il riscontro più comune di cancro al seno è la massa mammaria rilevata a mano o tramite esami radiologici. Tuttavia, il cancro al seno può anche verificarsi come secrezione spontanea dal capezzolo senza schiacciamento, restringimento del capezzolo, restringimento della pelle del seno, edema che provoca un aspetto come la buccia d'arancia e un linfonodo palpabile sotto l'ascella. La diagnosi viene fatta o mediante biopsie con ago effettuate dalle masse rilevate durante l'esame manuale o da lesioni sospette rilevate nella mammografia di routine o nei controlli ecografici.

Il trattamento principale per il cancro al seno è la chirurgia.

I tumori al seno scoperti in una fase iniziale vengono operati. Oggi stiamo eseguendo l'intervento chirurgico in cui viene rimossa la massa tumorale, che è per lo più descritta come chirurgia conservativa del seno. Tuttavia, a volte la richiesta del paziente e talvolta il fatto che il cancro al seno sia troppo concentrato può costringerci a prendere l'intera mammella. La condizione dei linfonodi dell'ascella, che fa parte dell'intervento, è determinata dal metodo che chiamiamo biopsia del linfonodo di guardia. Durante l'intervento, troviamo e rimuoviamo i linfonodi dove le cellule tumorali scorrono per prime sotto l'ascella, utilizzando coloranti speciali che attraversano le vie linfatiche attraverso le quali le cellule del cancro al seno si diffondono.

La presenza di cancro nelle ghiandole è determinata dall'esame del congelamento o dell'impronta da parte del patologo presente nell'ambulatorio. Se il cancro al seno coinvolge intensamente i linfonodi dell'ascella, l'area dei linfonodi dell'ascella viene pulita durante l'intervento chirurgico. La dissezione dei linfonodi ascellari (raschiatura-pulizia in termini popolari) è un tipo di intervento chirurgico che oggi non è preferito e non lo facciamo a meno che non sia necessario. Perché la rimozione dei linfonodi dell'ascella può causare gonfiore al braccio, che chiamiamo grave edema linfatico, e può influire negativamente sulla vita del paziente.

Oggi, nel cancro al seno, dobbiamo eseguire la mastectomia, cioè l'asportazione dell'intera mammella. Tuttavia, per non far sentire ai nostri pazienti l'assenza di seno, realizziamo seni con silicone o con i propri muscoli o tessuti adiposi nella stessa seduta evacuando il tessuto mammario proteggendo la pelle del seno e il capezzolo. Gli interventi chirurgici al seno sono meno dolorosi e meno fastidiosi per il paziente rispetto a molti interventi chirurgici sul cancro. Dopo il periodo di guarigione della ferita del paziente, possono essere applicati trattamenti aggiuntivi, chemioterapia e radioterapia. Il riposo di routine dopo l'intervento chirurgico è sufficiente. Poiché la chemioterapia sopprime gravemente la resistenza corporea della persona, il paziente deve proteggersi durante la chemioterapia e stare lontano da ambienti affollati e persone malate.