6 abitudini nutrizionali che causano il cancro esofageo

"Il cancro esofageo, che di solito può essere rilevato in fasi avanzate a causa dei suoi sintomi tardivi, è all'8 ° posto tra i tumori più comuni al mondo ..."

Nel nostro paese, ogni anno 5-6mila persone vengono diagnosticate con cancro esofageo. Inoltre, è stato riferito che l'incidenza è aumentata negli ultimi anni. La ragione di ciò è l'aumento dei fattori di rischio. Tabacco, fumo e consumo di alcol, obesità, carenza di minerali nel corpo (zinco ecc.), Esposizione a radiazioni, reflusso gastroesofageo e malattia da acalasia sono tra i fattori di rischio per questo tipo di cancro. Tuttavia, c'è un altro fattore che è tra le cause più importanti del cancro esofageo; errori nutrizionali comuni! Ac─▒badem University Atakent Hospital Specialista di chirurgia generale Assoc. Dott. Bilgi Baca ha spiegato 6 errori nutrizionali che possono portare al cancro esofageo e le precauzioni da prendere per prevenirlo.Questi errori nutrizionali portano al cancro esofageo

Le cause esatte del cancro esofageo sono sconosciute. Le abitudini nutrizionali sono ritenute responsabili dei fattori ambientali piuttosto che della predisposizione genetica.

1. Bere bevande troppo calde

Negli studi effettuati; Il rischio di sviluppare il cancro esofageo era 1,6 volte più alto in coloro che consumavano bevande calde come il tè caldo. Le bevande calde provocano irritazione all'esofago poiché sono irritanti, con conseguente infiammazione cronica dell'esofago. Ciò aumenta il rischio di cancro a cellule squamose, specialmente nell'esofago medio e inferiore. Per questo motivo, si consiglia di bere il tè il più caldo possibile.

2. Cibo affumicato e cibo in scatola da consumare inconsciamente

Un'elevata percentuale di materiale benzapirenico proviene da cibi a base di carne affumicati e cotti in tandoor. Tali idrocarburi policiclici cancerogeni causano lo sviluppo del cancro. Soprattutto quando le carni vengono tenute vicino al fuoco sul barbecue, si formano sostanze chimiche cancerogene chiamate nitrosammine. Gli studi hanno dimostrato che il consumo frequente di cibi cucinati in questo modo può portare al cancro esofageo. La cottura della carne a temperatura medio-leggera e metodi di cottura come grigliare, cuocere al forno e bollire a lungo riduce al minimo la formazione di agenti chimici cancerogeni.

3. Non conservare gli alimenti in un ambiente igienico appropriato.

È noto che alcune tossine (aflatossine) prodotte da alcuni microrganismi che si moltiplicano nei chicchi conservati in ambienti umidi e caldi, alcuni frutti secchi come nocciole, arachidi, noci, fichi, albicocche e spezie provocano il cancro esofageo. Per questo motivo la conservazione deve essere effettuata in condizioni adeguate, in frigoriferi e celle frigorifere, e anche se la muffa sui cibi ammuffiti viene buttata via, non deve essere consumata in alcun modo.

4. Mangiare cibi malsani

Nitrati e nitriti, ritenuti uno dei più forti fattori di rischio per lo sviluppo del cancro esofageo, vengono trasformati in N-nitrosammine cancerogene nel corpo. I precursori e i composti N-nitro sono comuni anche nelle verdure salate e nel pesce in scatola. In uno studio condotto in Uruguay, è emerso che un'alimentazione eccessiva con carne rossa aumenta il rischio di cancro a cellule squamose dell'esofago, mentre l'alimentazione con carne bianca, pollame, pesce e fegato ha un effetto protettivo contro questo cancro.

5. Mangiare meno frutta

Il consumo insufficiente di frutta e verdura fresca aumenta il rischio di cancro esofageo. Tant'è che il rischio di cancro è 2 volte maggiore in chi ha un basso consumo di frutta e verdura rispetto a chi ha un consumo elevato. Al contrario, gli agrumi e la vitamina C riducono il rischio di cancro a cellule squamose dell'esofago. Pertanto, fai attenzione a consumare 2-4 porzioni di tutti i tipi di verdure crude, insalate e pasti a base di verdure e 3-4 porzioni di frutta ogni giorno.

Non trascurare di consumare frequentemente frutta e verdura come pomodori, carote, spinaci, aglio, broccoli, ravanelli, sedano, cavolfiore, cavoli, porri, carciofi, cipolla, sedano, agrumi, soprattutto quelli che contengono vitamine e sostanze fitochimiche anticancerogene.

6. Meno masticare il cibo.

Mangiare il cibo lentamente e con piccoli morsi gioca un ruolo importante nella produzione più facile delle secrezioni necessarie per la digestione. Per questo motivo, gli alimenti dovrebbero essere masticati accuratamente in bocca.

Allo stesso tempo, masticare bene consente di digerire meccanicamente il cibo. In uno studio condotto; È stato dimostrato che mangiare velocemente senza masticare è un fattore di rischio per il cancro esofageo.