Sei dipendente dai carboidrati?

"Diete che hai iniziato con determinazione, se soccombi alla tua voglia di mangiare torta, pasticceria, pasta e cioccolato, sei nei guai con i carboidrati! Il dietologo Selehattin Dönmez ha spiegato come prevenire questa crisi di fame e carboidrati".

Le donne che non possono mangiare senza pane, che non possono passare le ore del tè senza biscotti, che cercano di reprimere la loro fame con i biscotti mentre cercano di perdere peso e gli uomini dipendenti dalla pizza possono essere diventati parte di un'importante dipendenza. E questa dipendenza può effettivamente diventare un grave problema di salute per molte persone sottopeso o sovrappeso.

Perché hai voglia di carboidrati?

I fattori alla base del desiderio occasionale di determinati cibi e "appetito" Per comprendere il concetto di ricerca, sebbene non ci siano ancora dati sufficienti per giungere a una conclusione chiara, lo è generalmente "La diminuzione del livello di zucchero nel sangue innesca la fame" Hanno concordato. Questo potrebbe spiegare il desiderio di cibi ad alto contenuto di carboidrati, in quanto è una rapida fonte di energia. Numerosi cibi ricchi di carboidrati, come pane, bagel, torte, cereali (pasta-riso-bulgur), cioccolato, biscotti, cracker, frutta e succhi di frutta, gelato, patatine, patate, ciambelle, crostata, popcorn e zucchero. bevande zuccherate Si compone di esempi. Inoltre, altre sostanze che agiscono come i carboidrati (come dolcificanti, bevande alcoliche e glutammato monosodico) possono innescare la voglia di carboidrati e / o l'aumento di peso.

Allora, qual è la voglia di carboidrati o la dipendenza da carboidrati?

La dipendenza dai carboidrati è causata dallo squilibrio che si verifica a seguito di un'eccessiva secrezione di ormone insulinico quando si consumano cibi ricchi di carboidrati, l'ormone insulina è l'ormone utilizzato dall'organismo per convertire zucchero, amido e altri alimenti in energia. insulina (chiamato anche l'ormone della fame), tra molte altre funzioni, segnala al corpo che deve mangiare e, dopo aver mangiato, il cibo deve essere immagazzinato come grasso. Quando si consumano carboidrati, prima aumenta l'insulina e poi la glicemia diminuisce. Questo di solito porta al desiderio di mangiare più cibo e per alcune persone a consumare principalmente carboidrati. L'insulina, che viene secreta in quantità eccessive, provoca la voglia di mangiare troppo e troppo spesso e il corpo è pronto per il cibo assunto per essere conservato come grasso!

Questa condizione è "iperinsulinemia reattiva post-pasto". Significa che una quantità eccessiva di insulina viene secreta dopo un pasto. Nel tempo, gli individui iperinsulinemici diventano resistenti all'insulina. Questo perché le cellule dei muscoli, del sistema nervoso e degli organi iniziano a chiudersi agli alti livelli di insulina nel sangue. Insulina l'energia (zucchero nel sangue e glucosio) non riesce a entrare in queste cellule. A questo punto, la persona può manifestare sintomi simili a un basso livello di zucchero nel sangue (ipoglicemia), come disagio, tremori, forte desiderio alimentare, mal di testa. Poiché lo zucchero nel sangue non entra facilmente nei muscoli, nel sistema nervoso o negli organi, la maggior parte dell'energia del cibo viene diretta verso le cellule adipose e, di conseguenza, è facilmente aumento di peso è visto. Sebbene l'elevato livello di insulina continui nel tempo, anche le cellule adipose possono chiudersi. In questo caso, il glucosio è intrappolato nel sangue, risultando "Diabete di inizio adulto (diabete di tipo 2)" la situazione nota come accade.

Suggerimenti che fermano l'appetito >>>>>>>

Alcuni esperti affermano che il desiderio di carboidrati è più correlato al corpo che al cervello. Qual è la tua opinione in merito?

Sì, alcuni esperti pensano che il desiderio e la dipendenza dai carboidrati riguardi più il corpo che il cervello. Cioè, suggeriscono che i fattori biologici sono il principale fattore scatenante del desiderio di carboidrati. Tuttavia, mangiare non è solo un bisogno biologico, ha anche un lato emotivo. Emotivo Qualsiasi cambiamento nella nostra situazione, soprattutto se negativo, può indurti a mangiare e rilassarti subito. Per questo motivo, come fattore che influisce negativamente sull'eccesso di cibo e sul desiderio dolce, fatica può essere mostrato. Quando siamo nervosi, le ghiandole surrenali producono più ormone cortisolo. Questo aiuta anche a immagazzinare il grasso che viene prodotto successivamente nel corpo. In un altro detto, Lo stress non solo innesca la voglia di carboidrati, ma rende anche difficile perdere peso. Il cortisolo innesca anche la produzione di insulina, che causa un basso accumulo di zuccheri e grassi. Questo ciclo è molto pericoloso poiché si alimenta da solo.

Altri studi sono, "Cervello-Stato mentale-Cibo" Spiega anche la sua relazione con la diminuzione della sostanza chimica della serotonina nel cervello. Serotonina, Aiuta la persona a sentire meno dolore, ansia e stress, quindi rilassa la persona e migliora il suo stato mentale. Alcuni esperti affermano che le persone che bramano i carboidrati hanno bassi livelli di serotonina, mentre altri sottolineano che queste voglie sono una reazione appresa. In breve, anche gli alimenti che alleviano la dipendenza, come gli zuccheri e l'amido, alimentano la dipendenza. Ciò causa livelli più alti di zucchero nel sangue e di insulina e quindi più desiderio.

Quali sono i potenziali problemi che possono essere causati riducendo drasticamente l'assunzione di carboidrati?

Le diete con un basso contenuto di carboidrati probabilmente non contengono quantità sufficienti di altri nutrienti essenziali per mantenere la salute. Le persone che seguono questo tipo di dieta di solito non consumano abbastanza vitamine, minerali e cibi ricchi di fibre, che sono in realtà alimenti che aiutano a prevenire squilibri chimici nel sangue e altri problemi di salute.

Ricetta di dessert che taglia la fame e la crisi dei dolci >>>>>>

Quali sono le cause del mancato consumo di cibi contenenti carboidrati?

L'American Heart Association raccomanda di consumare un'ampia varietà di cibi a basso contenuto di grassi saturi, grassi trans e colesterolo. Gli individui dovrebbero fare attenzione a consumare molta verdura, frutta e cibi integrali / ricchi di fibre durante il giorno, tenendo d'occhio il loro apporto calorico per prevenire il sovrappeso e l'obesità. Si sostiene che almeno il 45-65 per cento delle calorie delle diete considerate le più "sane" se combinate con 2-3 porzioni di latticini scremati o semigrassi al giorno dovrebbero essere assunte dai carboidrati.

Nelle diete con un consumo limitato di carboidrati, la quantità di altri componenti necessari per il corpo è generalmente bassa. Ad esempio, le diete povere di cereali sono generalmente povere di vitamine del gruppo B e minerali. I cereali integrali sono ricche fonti di potassio e fibre. Il latte scremato o parzialmente scremato e lo yogurt sono ottime fonti di calcio, proteine ​​e vitamina B2. Frutta e verdura sono ricche fonti di vitamine, minerali e fibre. Per questo motivo, è molto importante che le diete includano quantità sufficienti di frutta e verdura.

Come si può controllare la fame secondo te?

Esperti prima colazione Oltre a questo, sottolinea l'importanza di consumare almeno due pasti per controllare la fame (le calorie assunte con piccoli pasti e 2-3 spuntini al giorno possono essere distribuite nell'arco dell'intera giornata). Questo aiuta anche a ridurre la sensazione di fame. Alcuni individui sostengono che quando l'assunzione di carboidrati viene ridotta, la risposta insulinica e il desiderio del corpo diminuiscono, mentre altri affermano che il consumo di cibi a basso indice glicemico e contenenti carboidrati riduce la risposta insulinica e l'appetito allo stesso modo. La ricerca non è sufficiente per essere in grado di dire quale di queste due è corretta. Inoltre, le risposte individuali possono variare ampiamente.

Di conseguenza, il punto su cui molti esperti concordano è questo È possibile ridurre al minimo le voglie dolci delle persone consumando pasti contenenti una quantità sufficiente di cibi sani e facendo spuntini sani durante gli spuntini.

Suggerimenti per frenare la voglia di carboidrati! >>>>>>

ALCUNE RACCOMANDAZIONI PER LA FRENATA DEI NEGOZI DI CARBONIDRATO

• Mangia poco ma spesso. Per mantenere costante il livello di zucchero nel sangue, prendine un po 'ogni poche ore. proteina Mangia piccoli pasti o spuntini contenenti Saltare i pasti causa un basso livello di zucchero nel sangue. Questo poi torna a te come carboidrati trasformati e voglie di dessert.

• Sii selettivo riguardo ai carboidrati che mangi. Consuma con moderazione cibi che contengono farina bianca, riso bianco, zucchero lavorato e quantità elevate di dolcificanti.

• Non tagliare le proteine ​​per fare spazio a più carboidrati nello stomaco. Le proteine ​​forniscono al corpo energia più duratura, riequilibrano lo zucchero nel sangue e aiutano a mantenere le voglie a un certo livello.

• Limita il consumo di alcol, succhi di frutta e bevande contenenti caffeina. Questi provocano un improvviso aumento della glicemia, seguito da un eccessivo calo della glicemia e quindi un forte fabbisogno energetico.

• Se hai intenzione di consumare dolci, evita pasti o spuntini contenenti proteine. Poi e la porzione è piccola. Se mangi dolci a stomaco vuoto, innescherai un basso livello di zucchero nel sangue e quindi più voglie dolci.

• Fare attenzione a non soffrire la fame durante lo shopping o in viaggio. Porta con te snack contenenti proteine, come nocciole, arachidi, noci, albicocche secche o barrette energetiche bilanciate in termini di nutrienti. Questi tipi di alimenti che aumentano l'energia sono adatti quando i livelli di energia sono bassi.

• Dormire a sufficienza. Quando il tuo corpo e il tuo cervello sono ben riposati, la voglia di carboidrati generalmente diminuisce.

Deliziosa ricetta di dessert che verrà in tuo soccorso nel momento della dolce crisi >>>>>>>>

Cioccolato dietetico speciale

Tuttavia, per coloro che soccombono a questa dipendenza, è una ricetta deliziosa a basso contenuto di calorie ma dal sapore di cioccolato. Finché hai voglie dolci, puoi mangiarlo a pezzetti. Poiché in questa ricetta non sono presenti farina, olio e zucchero, potrai assaporare facilmente il gusto del cioccolato.

Materiali:

10 grandi datteri secchi morbidi

1,5 tazze di noci secche

1/2 bicchiere da tè di cacao in polvere

1 cucchiaino di vaniglia in polvere

1/2 bicchiere da tè di latte magro

Fabbricazione: Rimuovere i semi del dattero e passare nel frullatore (o robot) e aggiungere 1 tazza di noci, continuare a frullare. Quindi aggiungere il cacao e la vaniglia al composto e mescolare fino a formare un impasto. Se la miscela è troppo secca, è possibile utilizzare 1/2 bicchiere da tè di latte magro mentre lo si fa passare attraverso il robot. Quindi, impasta la miscela con la mano per 1-2 minuti. Rompere la rimanente 1/2 tazza di noci in mano e aggiungerla a questa miscela, impastare per un altro minuto. Premere nel contenitore di vetro, tagliare a pezzetti di trituratore, conservare in sacchetti da frigorifero in frigorifero.

Periodo di conservazione: È 1 mese in frigorifero.

Utilizzo: Può essere consumato in piccole porzioni al giorno ogni volta che lo si desidera (lontano dai pasti o durante i pasti).

Meccanismo di azione: Previene l'anemia, protegge il cuore, riduce la necessità di dolci, abbassa il colesterolo cattivo LDL.