Non lasciarti spaventare dalle crisi epilettiche

"È davvero difficile essere un paziente con epilessia. I problemi causati dall'uso costante di farmaci e i problemi che si incontrano quando arrivano le convulsioni sono solo alcuni dei problemi".

Malattia curabile "epilessia"Contrariamente alla credenza popolare, non è difficile combattere l'epilessia con una diagnosi e un trattamento corretti. Giulio Cesare, Dostoevskij, Van Gogh. Oltre alla loro reputazione e ai loro risultati, questi tre nomi hanno un tratto in comune in più: essere un malato di epilessia. Non solo questi tre nomi famosi, 40 milioni di persone nel mondo e 700mila persone nel nostro paese hanno l'epilessia. I pazienti con epilessia, uno dei disturbi più comuni tra le malattie neurologiche, sono generalmente visti in modo negativo. Non sapendo nemmeno cosa sia questa malattia. Acıbadem Oncologia e Scienze Neurologiche Specialista in Neurologia Ospedaliera Prof. Dott. Yasef Özsarfati definisce l'epilessia come segue: "L'epilessia è un'immagine che si sviluppa a seguito della scarica improvvisa delle cellule del sistema nervoso centrale. Esiste una tradizione sull'epilessia:" Tutti hanno il diritto di avere una crisi epilettica una volta nella vita ". A questo proposito, una persona non può essere considerata epilessia perché ha avuto una crisi epilettica Se queste crisi tendono a ripresentarsi di tanto in tanto, allora si può menzionare l'epilessia.Cause di epilessiaSebbene l'epilessia possa essere vista a tutte le età, è più comune soprattutto durante l'infanzia. Prof. Dott. Özsarfati afferma che i fattori innati giocano un ruolo in questo. Tuttavia, i fattori congeniti non sono l'unica causa di epilessia. I fattori successivi causano anche l'epilessia. Prof. Dott. Özsarfati raccoglie questi fattori sotto le seguenti voci: Traumi cerebrali Infiammazione delle membrane cerebrali Mancanza di ossigeno del bambino durante la nascita Ascessi cerebrali e tumori cerebrali Considerando questi fattori, tali fattori sottostanti sono molto buoni nel trattamento dell'epilessia, soprattutto dopo i 20 anni. investigare.Tipi di epilessiaEsistono molti tipi di epilessia. Tuttavia, in generale, è possibile dividerlo in due come in via di sviluppo e non in via di sviluppo con perdita di coscienza. Dott. Özsarfati spiega questo come segue: "Se l'epilessia si verifica con l'improvvisa stimolazione di cellule cerebrali appartenenti alle sole funzioni motorie, non si osserva perdita di coscienza. Tuttavia, se una parte molto generale del cervello accompagna l'evento o centri legati alla coscienza accompagnano il evento, c'è una perdita di coscienza. Tuttavia, le epilessie senza perdita di coscienza sono più comuni ".Non confondere con il bonifico bancario FieryProf. Dott. Özsarfati sottolinea un altro punto sull'epilessia e dice: "Le crisi epilettiche possono essere confuse con le convulsioni febbrili. Prima di tutto, è necessario sapere che le convulsioni febbrili si vedono tra i 6 mesi ei 5 anni. Non si vede prima dei 6 mesi o dopo 5 anni. È necessario distinguere molto bene questa condizione non grave, come l'epilessia. Una persona molto rara con un attacco durante l'infanzia avrà l'epilessia in età successive ".Attenzione alle crisi ricorrenti!Il paziente epilettico che ha una seconda, terza e quarta crisi durante una crisi è chiamato stato epilettico. Questa situazione è pericolosa per la vita tra i casi di epilessia. Tanto che i pazienti con epilessia devono essere trattati in terapia intensiva. Coordinatore generale delle unità di terapia intensiva dell'Acıbadem Health Group, specialista in anestesiologia e rianimazione. Dott. Nahit Çakar afferma quanto segue riguardo all'ammissione di pazienti con epilessia in terapia intensiva: "La presenza di coma richiederà il follow-up e il trattamento di questi pazienti nelle unità di terapia intensiva. Inoltre, le contrazioni continue in questi pazienti impediranno il normale funzioni del sistema respiratorio. Per questo motivo, per prevenire lo sviluppo di problemi vitali in questo periodo. Inoltre, alcuni farmaci per le crisi epilettiche resistenti al trattamento possono essere somministrati solo in unità di terapia intensiva. Le crisi epilettiche resistenti a questo farmaco vengono interrotte e i farmaci che il paziente utilizzerà regolarmente vengono adeguati.Trattamento dell'epilessiaSi ritiene che non esista un trattamento definitivo per l'epilessia tra le persone e durerà tutta la vita. Tuttavia, la maggior parte dei pazienti con epilessia guarisce a seguito della terapia farmacologica. Prof. Dott. Özsarfati spiega i punti da considerare durante la terapia farmacologica come segue: "Non è sufficiente sopprimere le crisi epilettiche da sole. Soprattutto dopo i 20 anni, la causa dell'epilessia dovrebbe essere trattata. Ad esempio, se l'epilessia si è verificata a causa di un cervello tumore, il suo trattamento deve essere effettuato contemporaneamente.Quando le crisi del paziente cessano dopo 4 anni di terapia, il trattamento viene interrotto.