Attenzione al dolore addominale dopo i pasti!

"Il dolore addominale di solito si sviluppa dopo aver consumato cibi grassi come fritti, uova, cioccolato e caffè ..."

Poiché i calcoli biliari, che sono uno dei problemi più comuni che interessano il sistema digerente e osservati in 10 persone su 100 nella società, spesso non sono sintomatici, di solito vengono rilevati incidentalmente nell'ecografia addominale eseguita per un altro problema di salute o durante il controllo- su. Quando mostra i sintomi, il più delle volte si manifesta con "forti dolori addominali".

Il dolore addominale di solito si sviluppa dopo aver consumato cibi grassi come frittura, uova, cioccolato e caffè. La ragione di ciò è che questi alimenti causano la contrazione della cistifellea. Specialista in Chirurgia Generale Prof. Dott. Nihat Yavuz, affermando che i calcoli biliari possono causare immagini "fatali" quando il trattamento viene ritardato, avverte che il "dolore addominale" non dovrebbe mai essere trascurato!

Si è visto 2 volte di più nelle donne!

L'età e il sesso sono fattori importanti nello sviluppo dei calcoli nella cistifellea. È 2 volte più comune nelle donne rispetto agli uomini, soprattutto dopo i 30 anni. Si ritiene che ciò sia dovuto a motivi di gravidanza, nutrizionali e ormonali. Inoltre, l'obesità, vari farmaci, la terapia ormonale, la dieta, le malattie infiammatorie intestinali, la chirurgia dello stomaco e alcune malattie del sangue aumentano il rischio.

Gravi dolori addominali possono essere causati da "calcoli biliari"!

Il 70-80 percento dei calcoli biliari è asintomatico e quindi viene rilevato per caso durante gli esami per altri problemi di salute. Sebbene i sintomi dei calcoli biliari varino, il sintomo più tipico è l'insorgenza improvvisa di un forte dolore addominale che riduce seriamente la qualità della vita del paziente. Il dolore si sente nella parte superiore o centrale destra dell'addome, si diffonde alla spalla destra o alla schiena e scompare entro 2-3 ore. A volte il dolore può essere accompagnato da nausea. Se questa situazione si prolunga e inizia il processo infiammatorio, il dolore può essere accompagnato da febbre. In alcuni pazienti si osservano senza dolore solo indigestione, gonfiore, nausea e vomito.

Può essere fatale quando il trattamento è in ritardo!

L'unica soluzione per sbarazzarsi dei calcoli biliari è la chirurgia! Specialista in Chirurgia Generale Prof. Dott. Nihat Yavuz avverte che l'operazione non deve essere trascurata per i calcoli biliari ed elenca i problemi che possono verificarsi quando è tardi: "I calcoli possono causare 'infiammazione della cistifellea' 'ostruendo l'uscita della cistifellea e, di conseguenza, la puntura della cistifellea, che può rappresentare una cistifellea pericolosa per la vita e ascessi intorno alla cistifellea. Inoltre, l'ostruzione intestinale può svilupparsi passando dalla cistifellea all'intestino. Oltre a questi, l'ittero ostruttivo, che è caratterizzato dall'accumulo di bile nel corpo a seguito della caduta di piccoli calcoli nella cistifellea nel dotto biliare o dei calcoli che si sviluppano nel dotto biliare, può causare immagini fatali come infiammazione della ghiandola pancreatica o infezione dei dotti biliari.Operazione "nessuna traccia" dall'ombelico!

I calcoli biliari possono ora essere trattati con il metodo "single port" senza lasciare tracce sulla pelle. Specialista in Chirurgia Generale Prof. Dott. Nihat Yavuz, affermando che la cistifellea può essere rimossa con una singola incisione applicata dall'ombelico nel metodo "single port", il cui principio principale si basa sull'operazione laparoscopica, continua come segue: "Il vantaggio più importante del singolo Il metodo port sta ottenendo risultati estetici molto migliori a causa dell'assenza di segni di incisione. Oltre a questi, offre molti vantaggi come meno dolore, essere dimesso entro 12-24 ore e tornare al normale lavoro quotidiano entro 4-5 giorni. Inoltre, se il paziente ha un'ernia ombelicale che accompagna problemi nella cistifellea, è più facile da riparare.

Qual è la cistifellea?

• La cistifellea è un sacco a forma di pera situato nella parte inferiore del fegato con una lunghezza di 7-10 cm e una capacità di 50 ml.

• La cistifellea immagazzina e concentra la bile prodotta nel fegato e la invia al duodeno quando necessario. Grazie alla bile, il grasso viene digerito nell'intestino. La bile aiuta anche l'assorbimento di vitamine come le vitamine liposolubili A, D, E e K. nel corpo.