Perché una persona prude?

Il prurito "neutralizza temporaneamente" le aree del cervello associate a emozioni e ricordi spiacevoli.

Il prurito neutralizza temporaneamente le "aree di emozioni e ricordi spiacevoli" nel cervello. L'intensificazione del processo di graffiatura riduce ulteriormente l'attività in queste aree del cervello.Il prurito lo rende inefficaceDott. Gil Yosipovitch e il suo team hanno stabilito che il prurito neutralizza temporaneamente "le regioni del cervello associate a emozioni e ricordi spiacevoli". Yosipovitch ha detto che lo studio che hanno intrapreso per monitorare l'attività cerebrale durante il prurito è stato il primo a "fornire una risposta a come il graffio allevia la sensazione di prurito".La sensazione di dolore diminuisceNell'ambito della ricerca, gli esperti hanno graffiato la parte inferiore delle gambe di 13 persone sane con una spazzola morbida per un totale di 5 minuti a intervalli di 30 minuti. Nel frattempo, i ricercatori, che hanno monitorato il cervello dei soggetti con l'aiuto della risonanza magnetica, hanno scoperto che durante il processo di graffio, l'attività delle regioni di "percezione e richiamo del dolore" nel cervello è diminuita. L'intensificazione del processo di graffiatura ha ulteriormente ridotto l'attività in queste aree del cervello. Yosipovitch ha riferito che pensavano che "graffiare porti sollievo sopprimendo le emozioni che causano prurito".Prurito mentre ti grattiI ricercatori hanno anche scoperto il motivo per "voler prudere più si prude". Gli esperti hanno scoperto che il prurito aumenta l'attività in un'area correlata al dolore cerebrale e ai comportamenti compulsivi (ripetitivi) e hanno notato che questa potrebbe essere la risposta al "desiderio costante di grattarsi".Può essere una soluzione alle malattie cronicheÈ stato affermato che l'esperimento ha dato risultati limitati perché è stato eseguito su persone che non si sentono realmente "pruriginose", ma questi risultati possono essere utili nel trattamento di persone con malattie croniche come l'eczema che causa prurito persistente.• I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista "Journal of Investigative Dermatology".